Crioterapia

Crioterapia

Crioterapia

La crioterapia è un trattamento fatto in una vasca specifica, che sottopone il corpo a temperature dell'acqua di circa 9-10 gradi per una durata di circa 10 minuti con l'aggiunta di ozono. E' in grado di:
- contrastare le infiammazioni;
- migliorare il recupero fisico post-allenamento e post-infortunio.

Sempre più diffusa tra atleti professionisti e sportivi in generale.

Si tratta di una pratica che risale fino ai tempi dell'Impero Romano, ma a modernizzarla è stato nel 1978, il medico giapponese Yamaguchi il quale vide come le sessioni di congelamento erano in grado di trattare le infiammazioni dovute all'artrite reumatoide dei propri pazienti.

Successivamente tale tecnica iniziò a guadagnare popolarità anche tra gli atleti professionisti, medici e gli appassionati di sport in generale, fino a diventare oggi un trattamento usato in molte società sportive.

I benefici che apporta la terapia del freddo nell'organismo sono molteplici:
- stimola la produzione di sostanze antidolorifiche e antinfiammatorie come endorfine e citochine;
- stimola il metabolismo che è in grado di bruciare più in fretta le calorie;
- stimola la circolazione sanguigna;
- bilancia il sistema endocrino;
- favorisce lo smaltimento di tossine.

In ambito fisiatrico-ortopedico e neurologico l'esposizione al freddo è indicata per:
- un recupero fisico post-allenamento;
- per il trattamento muscolare post-infortunio o per il trattamento delle infiammazioni acute;
- per contrastare gli effetti sulla muscolatura di malattie croniche come la fibromialgia (apportando un effetto antidolorifico), la malattia di Parkinson e la sclerosi multipla come supporto alla riabilitazione e per mantenere il più a lungo attive le funzioni motorie.

Torna a Fisioterapia
Cookie