Sessioni di ossigenoterapia iperbarica

Sessioni di ossigenoterapia iperbarica

Sessioni di ossigenoterapia iperbarica Verona

Durante l'ossigenoterapia iperbarica respiriamo ossigeno a pressioni atmosferiche superiori al normale all'interno della camera iperbarica gonfiabile.

L'aumento della pressione atmosferica durante la respirazione dell'ossigeno crea un ambiente in cui l'ossigeno viene dissolto in modo più efficiente nei liquidi circostanti, nel plasma sanguigno e nei fluidi cerebrospinali.

L'ossigeno è uno degli elementi più importanti necessari per sostenere la vita, svolge un ruolo centrale nel normale funzionamento del sistema immunitario, è essenziale per la produzione di energia nella maggior parte delle cellule.

L'aumento dell'ossigenazione dei vasi sanguigni consente benefici per la salute sistematici, come la crescita e la rigenerazione cellulare, la disintossicazione, il supporto immunitario, la nuova crescita capillare e il miglioramento del funzionamento neurologico tra molti altri.

Il nostro sistema gonfiabile ad alta pressione sfrutta è un modo sicuro e molto efficace per distribuire ossigeno in maggiore concentrazione (dal 24% al 28%) in tutte le cellule e i liquidi del corpo.

Dove si svolgono le sessioni

Le sessioni di Ossigenoterapia Iperbarica si svolgono nell'ambiente sigillato della camera gonfiabile con una pressione che sale fino a 1,4 ATA, un punto di riferimento sicuro per consentire al plasma di assorbire l'ossigeno in una quantità salutare.

Respirare ossigeno all'interno della camera di pressione aumenta la quantità totale di ossigeno fornita alle cellule dal flusso sanguigno (legge di Henry). Inoltre, gli aumenti di pressione determinano una diminuzione delle dimensioni delle bolle (legge di Boyle).

Un aumento della pressione ambiente (e quindi della pressione parziale) determina una maggiore dissoluzione del gas nella parte liquida del sangue e dei tessuti.

La definizione della legge di Henry (dal nome di William Henry) spiega che la pressione è necessaria affinché un gas (ossigeno) si dissolva efficacemente in un liquido (plasma sanguigno).

Il gas passerà da una densità più alta (polmoni) a una densità più bassa (tessuti) per raggiungere l'equilibrio.

L'ossigeno viene trasportato nel corpo dai globuli rossi che scorrono nei vasi sanguigni, legati all'emoglobina o disciolti nel plasma sanguigno.

Pressioni di 1,3 ATA, fino a 1,5 ATA all'interno della camera iperbarica possono stimolare la crescita di nuovi vasi sanguigni per aumentare il flusso sanguigno nelle aree di cattiva circolazione.

Il plasma ossigenato viene fatto circolare per raggiungere tutti i tessuti lesi come muscoli contusi, tendini lesionati, ferite chirurgiche, ictus, aree di lesione aggravate dalla circolazione danneggiata.

L'ossigeno nel plasma si dissolverà ulteriormente nell'area danneggiata rispetto all'ossigeno attaccato ai globuli rossi nel normale sistema di erogazione dell'ossigeno.

I globuli rossi diventano saturi di ossigeno e l'ossigeno viene distribuito in tutti i fluidi corporei come il plasma sanguigno, il liquido cerebrospinale, la linfa, tutti gli organi, compreso il cervello.

L'ossigenoterapia iperbarica può essere suddivisa in due categorie: alta pressione e bassa pressione.

L'HBOT ad alta pressione o l'HBOT di livello ospedaliero viene trasportato al di sopra di 2 ATA.

Bassa pressione o lieve HBOT si riferisce a pressioni inferiori a 2 ATA.

Le pressioni più elevate nell'HBOT di grado ospedaliero sono molto utili nel trattamento delle malattie acute, tuttavia le pressioni più basse sono più sicure, senza effetti collaterali, migliori per le malattie croniche e possono essere utilizzate in ambito ambulatoriale.

Le sessioni HBOT sono consigliate a seconda delle vostre particolari esigenze, secondo un numero di sessioni prescritto dai nostri protocolli.

Per ulteriori approfondimenti: www.ossigenoterapiaiperbaricavr.it

Torna a Ossigenoterapia iperbarica
Cookie